Il Pioppo Bianco

Gusta

Il Pioppo Bianco

Il pioppo bianco, elemento distintivo del paesaggio della bassa, ci riporta al mito di Fetonte che trascinato nel suo folle volo sul carro di Elios, suo padre, precipita nel Padus e alla cui vista le sorelle, le Eliadi, piangono lacrime disperate, gli dei impietositi, decidono di trasformale in flessuosi pioppi bianchi e le loro lacrime nella preziosa ambra.

Vi è una splendida moneta celebrativa di epoca gonzaghesca dove viene raffigurato Fetonte sull’ingovernabile carro del Sole e il fiume con i pioppi. Le chiome argentee si sposano con i salici in un unicum di straordinario fascino nelle aree ambientali della golena del Po che a Guastalla è particolarmente ampia. Ed il pioppo bianco è là che si specchia nelle acque del fiume e cinge i numerosi stagni che si riempiono nel capriccioso ritmo delle stagioni.

Il pioppo bianco è ora elemento decorativo di rispetto botanico, un tempo usato in falegnameria e nella produzione di paglia da intreccio per cappelli, borse e contenitori.

Nei dintorni