Palazzo Greppi

Esplora
Conosci

Palazzo Greppi

Nella frazione di Santa Vittoria si trova questo grande complesso edificato tra il 1770 e il 1775 dalla famiglia dei Conti Greppi di Milano, i quali avevano ricevuto dagli Estensi in questa zona una tenuta agricola di notevoli dimensioni. Risulta evidente la posizione centrale che il Palazzo occupa rispetto all'abitato: la sua edificazione e la sua mole hanno condizionato la nascita e poi la conformazione dell'intera frazione di S.Vittoria, negandole la possibilità di una piazza ed affermando una situazione di "possesso" signorile. 

Costruito da tre corpi principali il modello architettonico rammenta, all'apparenza, quello delle grandi ville venete; ma l'originalità di Palazzo Greppi è costituita dall'accostamento delle funzioni produttive legate alla campagna con le caratteristiche della residenza signorile, il che lo avvicina al modello delle corti chiuse delle cascine lombarde e piemontesi. La facciata situata di fronte alla Chiesa Parrocchiale si è resa ancor più severa dopo la demolizione (1832) dello scalone esterno e della terrazza pensile e la perdita del colore rosso e delle decorazioni. La distruzione del giardino all'italiana (opera del bolognese Pagani) é invece avvenuta nel XX° secolo. Del giardino parte importante era l'Aranciaia, fonte di entrate per il Greppi, che ne vendeva i frutti. L'ala di ponente ha un doppio loggiato sul quale si aprono ampie stanze utilizzate forse come deposito delle scorte agricole; l'ala di levante ha un loggiato come quella di ponente; i restanti locali erano adibiti a cantine, depositi ed alloggi per il fattore ed i familiari. Le decorazioni dell'interno vennero in gran parte eseguite da Giovanni Morini e soprattutto dal gualtierese Giovanni Sogliani, che abbellì il salone Greppi, da considerarsi come precoce esempio reggiano di decorazione neoclassica. Nel salone si conserva un camino in marmo, del Bolognini, sul quale era collocato probabilmente uno specchio. Da segnalarsi la presenza di porte ed infissi originari, e la scala d'accesso al salone.

Nei dintorni