RACCONTARE UN PAESE…nelle Marche

27/11/2021 - RACCONTARE UN PAESE…nelle Marche

Presentazione di Mezzadria Stories 
un progetto di storia orale e Intangible Heritage

Centro Culturale Zavattini, ore 17.30

Incontro con Gianluca Vagnarelli fondatore del progetto 
Conduce l’incontro 
Fabio Veneri

Gianluca Vagnarelli è un ricercatore e docente universitario che sviluppa con passione da anni un progetto che si intitola Mezzadria Stories: il suo obiettivo è salvare la memoria orale degli ultimi mezzadri del Piceno e valorizzare in modo innovativo il patrimonio culturale di una parte di Italia rurale

A partire da questo progetto nasce l’incontro Raccontare un paese. Il focus dell’evento è duplice. In primo luogo, diffondere e far conoscere un progetto innovativo che mira a contribuire a un nuovo approccio di rigenerazione rurale fondato sul patrimonio culturale e naturale. In secondo luogo, il pomeriggio sarà strutturato come un dialogo fertile tra due realtà culturali, Il Piceno da un lato, Luzzara e la bassa reggiana dall’altro, che condividono opportunità comuni da percorrere per la valorizzazione culturale del patrimonio.  

A unire con un filo ideale questi due punti sulla mappa d’Italia saranno testimonianze, video, interventi, sbobinature alla ricerca dello specchio dello spirito di un popolo e del ritmo universale della vita legata alla terra. Perché, fedeli al dettato di Tolstoj, è solo raccontando il proprio villaggio che si può essere universali.

____

In Danubio, lo scrittore triestino Claudio Magris riprende un concetto di Ernst Bloch, la non-contemporaneità, la non-simultaneità come una delle chiavi di lettura della storia. Scrive: “Ci sembra impossibile che per i nostri figli sia già irrevocabile e sconosciuto passato ciò che per noi è ancora arduo presente”. Bloch portava l’attenzione su quei “fremiti di futuro” che ci sono anche in quel passato che non ha avuto modo di sviluppare, i semi che racchiudeva e non è detto siano morti.

C’è qualche cosa che la terra e il tempo possono conservare e fare rispuntare in qualsiasi momento.

Quale è lo sguardo che insiste sui paesi, sulle aree interne, rurali, apparentemente marginali?

Quale è il ruolo dei paesi nell’epoca dell’ecologia delle coesistenze e dei paesaggi infrastrutturali?

E ancora: in che misura le nuove tecnologie sono in grado di accelerare processi di rivalorizzazione dei territori?

Il territorio ha un’antica memoria. Parlare di territori, di paesi, significa avviare una riflessione su quelle memorie che hanno determinato anche delle non-scelte.

Oggi c’è un bisogno disperato di una nuova interpretazione culturale.

“Se non sai raccontarti, o ti racconti male, non sai immaginarti. Nella mia esperienza questo vale anche per i territori, la progettazione peggiore viene proprio da quei posti che non hanno, per i motivi più svariati, l’orgoglio di raccontare il proprio passato, o ne fanno un racconto “scolastico” e stereotipato.” (Filippo Tantillo, allora nel ruolo di coordinatore scientifico del team di supporto al comitato nazionale per le aree interne, in un’intervista per il Giornale delle Fondazioni).

L’incontro mette al centro l’esperienza di Mezzadria Stories, un progetto di storia orale e Intangible Heritage ideato da Gianluca Vagnarelli, già docente dell’Università di Macerata e fondatore della start-up i-strategies specializzata in Heritage marketing, che, da anni, avvalendosi della tecnica dell’intervista narrativa, raccoglie le storie di vita degli ultimi mezzadri del sud delle Marche.

 ____

COS’E’
Mezzadria Stories è un progetto di storia orale e Intangible Heritage ideato da Gianluca Vagnarelli, già docente dell’Università di Macerata (e fondatore della start-up i-strategies specializzata in Heritage marketing) che, da anni, avvalendosi della tecnica dell’intervista narrativa, raccoglie le storie di vita degli ultimi mezzadri del sud delle Marche.
«Ho iniziato circa vent’anni fa, raccogliendo con un piccolo registratore i ricordi di mio padre e dei miei zii, tutti nati in una famiglia mezzadrile di Monteprandone. Poi la ricerca si è estesa all’intera provincia di Ascoli Piceno. A spingermi è stata la volontà di non disperdere la memoria della mezzadria, che era anche la memoria della mia famiglia e, in secondo luogo, la curiosità di capire meglio il territorio in cui vivo. Le Marche e i marchigiani sono stati profondamente influenzati (nel paesaggio, nell’etica del lavoro, nella cultura del cibo e in molto altro), dalla civiltà rurale nella quale hanno vissuto per oltre sei secoli. Per questo sono da sempre convinto che capire cos’è stata la mezzadria aiuti, noi stessi e gli altri, a comprendere meglio chi siamo e da dove veniamo».

RICONOSCIMENTI
Il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali (MIBAC) ha selezionato Mezzadria Stories per il calendario ufficiale degli eventi dell’Anno Europeo del Patrimonio Culturale 2018.
Mezzadria Stories è stato selezionato e presentato come best practice europea nell’ambito del convegno internazionale Examples of Good Practices in Strengthening the Competitiveness of the Rural Areas: social business and local food systems organizzato dall’Alexandras Stulginskis University  tenuto a Kaunas (Lituania) il 7 dicembre 2018.

PARTNER
Il progetto Mezzadria Stories è realizzato in collaborazione con Ciù Ciù Vini e nel contesto del dottorato di ricerca innovativo Corporate and Local Cultural Heritage as marketing lever for made in Italy companies dell’Università di Macerata 

LINK 
video di presentazione del progetto: https://www.youtube.com/watch?v=TRAwmctk5RQ
sito italiano dell’Anno Europeo del Patrimonio Culturale: http://annoeuropeo2018.beniculturali.it/eventi/mezzadria-stories/

 ____

Seguite il nostro sito

http://www.fondazioneunpaese.org/

Seguite la nostra pagina e gli eventi FB per rimanere aggiornati.

https://www.facebook.com/centroculturalezavattiniluzzara/

INFO e PRENOTAZIONI: t. 0522 977612 info@fondazioneunpaese.org Per accedere all’evento è necessario essere in possesso del Green Pass.

GALLERIA

Nei dintorni

copertina emergenza n 35 Chiesa Parrocchiale di San Giorgio

Chiesa Parrocchiale di San Giorgio


Edificata probabilmente alla fine dell'XI secolo in stile romanico, e più volte rimaneggiata. Fu riedificata a partire dal 1676 in stile barocco, salvando solamente la parte absidale, che rimane tuttora in stile romanico. Nel 2000 sono stati eseguiti gli scavi della cripta dell'antica chiesa romanica, dove sono venuti alla luce capitelli, colonne e affreschi risalenti alla struttura originale dell'edificio romanico e cocci di riporto risalenti al periodo precedente. Conserva al suo interno alcuni dipinti cinquecenteschi, in particolare la pala d'altare raffigurante la Vergine col Bambino tra S. Giorgio e S. Girolamo, di scuola giuliesca, eseguito su modello di un bozzetto di Giulio Romano conservato al Louvre