Magna Curta 2019

Gusta

22/09/2019 - Magna Curta 2019

Percorso enogastronomico di 8 km in 5 Tappe

Ritrovo ore 10.30 - Partenza ore 11.00 da Piazza Bentivoglio 

Menù’ del percorso

1° Tappa ...................................
- Salame Nostrano
- Ciccioli e Schiacciata
- Ricotta al forno
Prosecco Tirelli (Cantina Tirelli)

2° Tappa .....................................
- Gnocchi al pomodoro
Lambrusco Antiche Tradizioni (Cantina Gualtieri)

3° Tappa .....................................
- Porchetta alla brace
- Patatine
- Pane
Lambrusco Buccia Amara (Cantina Gualtieri)

4° Tappa .....................................
- Grana Bianco (C.E.L.A.T.)
con Aceto Balsamico (Al Livel)
Lambrusco Fogarina (Cantina Gualtieri)

5° Tappa .....................................
- Melone
- Crostata al forno (Franton)
- Gelato e Caffè’
Malvasia dell’Emilia (Cantina Tirelli)


A tutti i partecipanti verra’ consegnata la NUOVA maglia ufficiale dell’evento 2019!!
Durante lo svolgimento della manifestazione presso il punto di partenza e arrivo è previsto spettacolo di intrattenimento musicale.

Ritrovo 10.30 Piazza Bentivoglio
  • Passeggiate
  • Punti ristoro

Nei dintorni

donazione tirelli gualtieri

Donazione Umberto Tirelli


La donazione viene ospitata nelle sale di Palazzo Bentivoglio ed è costituita da 50 opere di notevole spessore artistico che il celebre sarto Umberto Tirelli (1928-1990) ha donato al Comune di Gualtieri e che ora sono esposte nella suggestiva Sala di Icaro in Palazzo Bentivoglio. Egli fu uno dei costumisti più importanti della storia del cinema e del teatro. Collaborò alla realizzazione di film come: il Gattopardo, Casanova, Amarcord, '900.. è presentre anche il vestito indossato da Romy Schneider in Ludwig di Visconti.

copertina emergenza 15 Palazzo Greppi

Palazzo Greppi


Nella frazione di Santa Vittoria si trova questo grande complesso edificato tra il 1770 e il 1775 dalla famiglia dei Conti Greppi di Milano, i quali avevano ricevuto dagli Estensi in questa zona una tenuta agricola di notevoli dimensioni. Risulta evidente la posizione centrale che il Palazzo occupa rispetto all'abitato: la sua edificazione e la sua mole hanno condizionato la nascita e poi la conformazione dell'intera frazione di S.Vittoria, negandole la possibilità di una piazza ed affermando una situazione di "possesso" signorile.