Inaugurazione Atelier a Palazzo

Conosci

20/02/2022 - Inaugurazione Atelier a Palazzo

Lo storico Palazzo Sartoretti apre i suoi spazi a bambini, ragazzi e adulti con un grande atelier per sperimentare i “cento linguaggi”, frutto della collaborazione tra il Comune di Reggiolo, Reggio Children , Azienda Servizi Bassa Reggiana Comer Industries.

Atelier a Palazzo è un progetto in cui differenti linguaggi espressivi si intrecciano, all’interno di ambienti analogici e digitali.
Una proposta per tutti coloro che desiderano costruire insieme relazioni e processi educativi e di apprendimento, conservando alcune caratteristiche proprie dell’infanzia: curiosità, orientamento alla ricerca, coraggio, creatività, empatia, energia vitale.

Programma
 
Ore 9.30: Presentazione progetto
Introduce e coordina Livia Arioli, Assessore Politiche Sociali e della Famiglia, Assistenza, Sanità, Scuola e Formazione, Comune di Reggiolo.
Interventi a cura di Reggio Children e dell’Azienda Servizi Bassa Reggiana
 
Ore 10.45: Taglio del nastro alla presenza di: Giammaria Manghi, Capo della segreteria politica della Presidenza della Regione Emilia Romagna; Roberto Angeli, Sindaco di Reggiolo; Matteo Storchi, President & CEO Comer Industries
 
Ore 15.00-16.30: Visita libera dell’Atelier a Palazzo a piccoli gruppi
 
 
Biblioteca del Comune di Reggiolo: 0522/213713 - 331/8426129 - 0522/213726 (orari ufficio) - biblioteca@comune.reggiolo.re.it

GALLERIA

Nei dintorni

hola

Museo Pinacoteca Antonio Ruggero Giorgi


Il pittore Antonio Ruggero Giorgi nasce a Reggiolo nel 1887 in una famiglia contadina. Dopo l’apprendistato artistico all’Accademia “Cignaroli” di Verona (1910), nel 1912 per cinque mesi è a Monaco di Baviera dove segue i corsi di Heinrich Knirr, accostandosi all’Espressionismo tedesco. Trascorre poi un breve periodo a Parigi rivisitando l’Impressionismo ed entra a contatto con i movimenti artistici d’avanguardia del cubismo, astrattismo e fauvismo. 

san rocco

Chiesetta di San Rocco


Deriva da un antico oratorio del secolo XV, ricostruito nel 1578 e ancora rifatto nel 1760. Si trova in Via Matteotti la principale del paese, la particolarità di questa chiesa è la statua della madonnina nella roccia. Infatti questa chiesa viene anche chiamata dai reggiolesi la chiesa della madonnina di Lourdes. Presenta una facciata barocca, alta e snella, riquadrata da paraste doriche e conclusa da un frontone curvilineo; il campanile ha una cella a monofore e copertura cuspidata. All’interno, è strutturata in un’originale aula quadrangolare che, in alto, presenta una sorta di cupola ellittica retta da colonne e semicolonne e dotata di cupolino.