Presentazione del libro NICCOLO’ PAGANINI. Note di una vita sopra le righe

Conosci

06/09/2023 - Presentazione del libro NICCOLO’ PAGANINI. Note di una vita sopra le righe

Mercoledì 6 settembre 2023
Teatro Sociale Luzzara, ore 21.00
presentazione del libro

NICCOLO’ PAGANINI
Note di una vita sopra le righe

Incontro con gli autori
Niccolò Paganini, Alessio Pedrazzini, Marco Pedrazzini, Alberto Pedrazzini
al violino: Paolo Aloisi

——
Musicista, provocatore, “trascinatore per mondi sentimentali e meravigliosi”. Su di lui circolarono dicerie di ogni sorta e la sua fama non lasciò indifferenti i maestri dell’arte.
Messo in mostra in litografie, in miniature, cammei, osannato nei salotti, Paganini era tutto questo e altro ancora; un segno nella storia che nessuno da allora avrebbe mai più ignorato.
Il libro ne ripercorre la vita, le opere, indagando taluni aspetti forse meno noti: dal mito all’iconografia, dagli investimenti immobiliari all’innovativo progetto di riforma per orchestra sino alle vicissitudini mediche di un paziente afflitto da mille malattie e con una sospetta sindrome di Marfan.
Comunque la si analizzi, una vita strana e sconcertante che, come corda tesa di violino, oscilla fra l’arte sublime della musica, i successi, i fallimenti e le afflizioni di un uomo solo con sé stesso anche dopo la morte, con le umilianti peripezie della sua salma, sino al definitivo riposo nella città ducale.   

Niccolò Paganini. Note di una vita sopra le righe
Monte Università Parma, 2014

ingresso ad offerta libera e consapevole
serata organizzata da Centro Culturale ZavattiniFondazione Un Paese e Proloco Luzzara


—–
un evento di

Come un canto della terra
1953 | 2023 | 
UN PAESE 70
Luzzara | marzo / dicembre 2023

Teatro Sociale Luzzara Danilo Donati / piazza Tedeschi, 6

—–
informazioni 
Centro Culturale Zavattini
t. 0522 977612 e-mail biblioteca@fondazioneunpaese.org

GALLERIA

Nei dintorni

foto n 2 emergenza n 35 Chiesa Parrocchiale di San Giorgio2

Chiesa Parrocchiale di San Giorgio


Edificata probabilmente alla fine dell'XI secolo in stile romanico, e più volte rimaneggiata. Fu riedificata a partire dal 1676 in stile barocco, salvando solamente la parte absidale, che rimane tuttora in stile romanico. Nel 2000 sono stati eseguiti gli scavi della cripta dell'antica chiesa romanica, dove sono venuti alla luce capitelli, colonne e affreschi risalenti alla struttura originale dell'edificio romanico e cocci di riporto risalenti al periodo precedente. Conserva al suo interno alcuni dipinti cinquecenteschi, in particolare la pala d'altare raffigurante la Vergine col Bambino tra S. Giorgio e S. Girolamo, di scuola giuliesca, eseguito su modello di un bozzetto di Giulio Romano conservato al Louvre

macina

Palazzo della Macina


Il vecchio palazzo dei Gonzaga, signori di Luzzara, venne eretto verso il 1481. In origine, con i suoi edifici ausiliari, occupava tutta l'area a sud del castello di Luzzara, tra la chiesa parrocchiale e l'attuale sede del municipio, ma dalla guerra, che culminò con la battaglia del 15 agosto 1702, non si salvò che la parte ancora oggi visibile. L'edificio dopo l'abbandono dei Gonzaga, venne utilizzato per secoli come palazzo pubblico, poi venne abbandonato fino all'Unità d'Italia.